PERCHE’ LE DONNE DOVREBBERO ALLENARE LA FORZA

Eccoci all’arduo quesito, la giungla di falsi miti e ancestrali credenze che ruota attorno alla critica interrogazione: perché mai è fortemente consigliato, se non indispensabile, al fine di un corretto allenamento ed un buon stato di salute che una donna alleni la forza?

Incontrandovi, ascoltando le vostre richieste e aspettative riguardo la decisione di intraprendere dell’attività fisica i desideri sono tanti, anche se la maggior parte di noi donne finiscono per desiderare un po’ tutte la stessa cosa, ossia perdere peso, rassodare i glutei, tonificare braccia e addome.

La brutta notizia è che camminare per interminabili sessioni di “allenamento” sul tapis roulant come criceti non esaudirà questi desideri. Correre, andare in bicicletta e passeggiare rimangono ottime soluzioni per mantenersi attive e bruciare qualche (pochissime) kcal, ma convincersi che queste siano le uniche attività che ci portino ad avere un corpo tonico e in salute è inesatto.

Per ottenere i risultati prefissati esistono metodi molto più efficaci, coerenti con la funzionalità del corpo femminile e la sua anatomia, come l’allenamento della forza pura, a corpo libero o con l’utilizzo di pesi e sovraccarichi.

Già so che nelle vostre menti al solo nominare la parola “pesi” si fanno largo immagini di super donne muscolose e androgine. Il rapporto donne-pesi è infatti da sempre estremamente complesso e spesso affrontato con avversità e negazione, tuttavia i motivi per cui per le donne è fondamentale allenare la forza sono gli stessi per cui lo è per gli uomini: aumentare la massa muscolare e sviluppare la forza massima stessa.

Vi consoli sapere che rispetto agli uomini:

· poiché tendenzialmente apportiamo meno stress e danni alla muscolatura possiamo e dobbiamo allenarci più frequentemente di loro

· il nostro corpo è costituito da meno tessuto muscolare e quindi, salvo eccezioni, non potremmo mai diventare forti come gli uomini

· la natura ci ha avvantaggiate donandoci maggiore flessibilità e mobilità, qualità fondamentali anche negli allenamenti di forza

Allenarvi con sovraccarichi e pesi una, due ma anche tre volte alla settimana non vi farà diventare un’atleta che concorre ad una gara di bodybuilding. Quest’ultima è una vera disciplina che verte sulla costruzione muscolare che avviene nel tempo, con intensi allenamenti e soprattutto un’alimentazione propriamente adeguata.

L’allenamento della forza consente di perdere peso in modo più efficace rispetto alla sola attività “cardio” poiché, allenandoci con l’ausilio di volumi o a corpo libero e aumentando in modo costante tempo e intensità di esecuzione, le fibre muscolari vanno incontro ad un processo di lesione e quindi di riparazione e rigenerazione nelle ore successive. Per fare questo avremo quindi bisogno di energia attraverso il riposo ed un’alimentazione adeguata. Solo in questo modo sarà così possibile costruire una massa magra tale da favorire il metabolismo.

Personalmente negli anni ho sperimentato svariate discipline partendo dalla danza, il pilates, il training funzionale, il Crossfit. Quest’ ultimo mi ha regalato il brivido e l’adrenalina del bilanciere, dell’intensità, della preparazione fisica e mentale alla fatica e al superamento di alcuni limiti che, impropriamente, credevo miei. Sorprendentemente mi riscoprivo anche più resistente allo stress mentale nell’affrontare i problemi e le sfide quotidiane. Ho cominciato ad apprezzare la competizione con me stessa, a sfidarmi e a conoscermi quindi maggiormente. In un’epoca dove il corpo viene considerato svincolato dalla mente quello era ciò che ricercavo: ascoltarmi, sentirmi forte, gioire dei progressi, insomma capire “come funzionavo”. Ma non bastava. Ancora qualcosa non rispettava pienamente il mio corpo, le mie aspettative, la gestione del post allenamento.

L’accademia Natked (mi ripeterò all’infinito) per me è stata una violenza, uno shock così come una rivelazione completamente opposta a tutte le convinzioni costruite a suon di formazioni, corsi e svariati studi.

Attraverso questo percorso ho ridato un senso alla mia natura, al mio essere donna, al mio essere umana, unica e dotata di un corpo incredibilmente funzionale, pronto e reattivo. Ho imparato a rispettare il mio corpo, ho compreso come organizzarlo in modo da poterlo adattare a nuovi stimoli e diversi allenamenti. Ho umanamente fatto pace con lo specchio e con la bilancia, il primo risultato immediato è stato il benessere psicofisico, l’estetica è passata in secondo piano.

La mente ha riconosciuto il corpo, il corpo ora collabora con la mente e ora non posso più fare a meno della mia sessione settimanale di forza.

Il mio vero augurio è che possiate sentirle e provarle anche voi queste sensazioni, anche a colpi di bilanciere!


Laura Cosma




161 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti